Acqua alcalina: i benefici da conoscere

Acqua Alcalina

Le acque non sono tutte uguali. Ci è facile immaginare differenze dovute alla purezza oppure alla presenza di oligoelementi utili e residuo secco. Ma anche il pH dell’acqua è importante. Infatti anche l’acqua può essere leggermente acida oppure leggermente alcalina.
Ora, se i cibi alcalini sono più salutari di quelli acidi o acidificanti, tanto più questo vale per l’acqua, che dopotutto è il più importante degli e-lementi ed il più presente nell’organismo umano.
Un primo indizio dell’utilità dell’alcalinità dell’acqua è di tipo storico e statistico: gli studiosi si sono accorti che piccole popolazioni di zone isolate in Pakistan o nelle Ande associano dati di una longevità fuori dal comune con un uso regolare di acqua alcalina.

L’acqua alcalina ionizzata

Mentre nei casi di cui sopra l’acqua disponibile, nei laghi e torrenti, è alcalina per natura, è sempre possibile aumentare l’alcalinità dell’acqua attraverso il processo di ionizzazione. La ionizzazione può essere eseguita usando degli elettrodi, che applicano un campo elettrico. Si può separare l’acqua acida, con più ioni idrogeno (H+), da quella basica o alcalina, caratterizzata da più ioni OH-.

Acqua alcalina: i benefici

I vantaggi dell’acqua alcalina sono molteplici. Alcuni di essi sembrano essere confermati, altri sono tuttora oggetto di studi, e altri ancora sono a livello di ipotesi.
Per prima cosa, la stragrande maggioranza dei sistemi di ionizzazione implica anche un procedimento di filtraggio e depurazione. Questo ovviamente rimuove le impurità e le tossine che potrebbero essere presenti nell’acqua, ed è di per sé un grade aiuto alla salute di chi berrà quell’acqua.
In secondo luogo, la ionizzazione rompe i gruppi di molecole dell’acqua. Come sappiamo, l’unità chimica minima dell’acqua è la famosa molecola H2O, ma normalmente queste molecole sono raggruppate in “clusters”. Se invece i clusters vengono ridotti in termini di numerosità, l’acqua diventa più facilmente assorbibile dal nostro organismo, quindi più idratante e più utile. L’idratazione è importante anche per la fluidità del sangue (il che riduce il rischio a lungo termine per diverse sindromi).
Ma, oltre a ciò, l’acqua alcalina ha lo stesso vantaggio dei cibi alcalini: è più adatta al nostro organismo (che è leggermente alcalino), al nostro metabolismo.
Inoltre, ha un potenziale di ossidoriduzione negativo (ORP). Questo significa che contrasta l’effetto ossidante dei radicali liberi, e quindi rallenta l’invecchiamento cellulare. Ecco, forse, come si spiega la longevità di quelle popolazioni dell’Himalaya o delle Ande.
Non è ancora dimostrato, sebbene vi siano indicazioni in questo senso, che per lo stesso motivo – l’ORP negativo – l’acqua ionizzata sia utile per l’equilibrio della flora intestinale.
Studi tuttora in corso, infine, sembrerebbero indicare che l’acqua alcalina ha effetti protettivi in chi soffre di diabete e altre disfunzioni metaboliche, contrastando la formazione delle glicotossine.
Riassumendo, quindi, l’acqua ionizzata è o potrebbe essere utile in quanto:

  • microfiltrata e depurata
  • caratterizzata da cluster molecolari più piccoli, quindi più idratante
  • alimento alcalino, quindi più adatto al nostro metabolismo
  • fattore di contrasto dei radicali liberi
  • regolatore della flora intestinale
  • fattore di contrasto delle glicotossine.

Come utilizzare l’acqua alcalina ionizzata

Semplicissimo per prima cosa, basta berla! Oltre a questo ovvio uso, è l’ideale per la lievitazione di prodotti da forno (consentendo anche di ridurre l’uso di agenti lievitanti, e quindi il rischio di un senso di gonfiore). Può poi essere usata per cuocere le verdure e preparare succhi e tisane, ancora più efficaci come antiossidanti. Per gli sportivi è particolarmente indicata, e alcuni dicono che ha gli stessi effetti positivi di tamponamento dell’acidità di alcuniintegratori, ma senza quelli collaterali negativi (indigestione o diarrea). Come si vede, l’acqua alcalina è utile sotto molti punti di vista.

E quella acida?

Un’ultima cosa: se si usa uno ionizzatore separatore, si disporrà anche di notevoli quantitativi di acqua leggermente acida. Questo non è un sottoprodotto da buttar via, ma è adatta per il lavaggio e la sgrassatura e l’igienizzazione di superfici, e può essere utilizzata per le piante di casa e dei balconi.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Ricorda che iniziando la navigazione nel sito, o scorrendo la pagina, accetti automaticamente le condizioni indicate nell'informativa. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi