Cosa significa parlare di cibi alcanizzanti ?Chiunque abbia a cuore la propria salute e sia consapevole dell’importanza che su di essa ha
un’alimentazione sana ed equilibrata, conosce senz’altro alcuni semplici principi generali riguardanti la
scelta dei cibi. Per esempio, sa che, ovviamente, frutta e verdura fanno bene. O che non bisogna esagerare
con proteine animali e grassi. Oppure, infine, che i carboidrati più raffinati ed elaborati sono meno salutari
di quelli più naturali ed integrali.
Questi principi sono sempre validi, ma un altro aspetto da non trascurare assolutamente è l’effetto
acidificante o alcalinizzante del cibo sul nostro corpo. Le nostre cellule, i nostri organi, per vivere hanno
bisogno di un ambiente alcalino. Gli acidi liberi non sono tollerabili (se non nello stomaco, dove servono alla
digestione). L’acidosi è sempre un problema, e può comportare una serie di sintomi sgradevoli, come
iperacidità di stomaco, affaticamento cronico, mal di testa, oltre che una tendenza al sovrappeso; inoltre
un’acidosi costante può comportare una vulnerabilità cellulare a malattie serie. Pensiamo poi a come i
nostri muscoli percepiscono la fatica: come un indolenzimento. Perché sono pieni di… acido lattico.
Una valida linea di difesa è la scelta, tra i cibi preferibili in base ai principi generali sopra accennati, di quelli
che hanno un maggior effetto alcalinizzante

I cibi alcalinizzanti

Un avvertimento molto importante: l’effetto alcalinizzante va giudicato in base al residuo del cibo dopo
che l’abbiamo digerito, non in base al suo pH nel piatto. L’esempio più tipico è il limone, che, a giudicarlo
dal sapore, è l’alimento acido per eccellenza: ma nel nostro metabolismo ha un effetto alcalinizzante.
In effetti, uno dei motivi per cui si deve mangiare molta frutta e verdura è che quasi tutti questi alimenti
sono alcalinizzanti; viceversa le proteine, specie quelle animali, hanno un effetto acidificante. Ma ci sono
ovviamente frutti e verdure più alcalini di altri. Ecco una tabella dei cibi alcalini più importanti.

 Alimenti alcalini tabella

  • Frutta molto alcalina: limone e altri agrumi, melone, anguria, mango, uva. Frutta alcalina: kiwi, mela,
    pera, albicocca.
  • Verdura molto alcalina: cetrioli, cavoli, asparagi e tutti i germogli. Verdura alcalina: quasi tutta, da evitare
    solo la cicoria.
  • Legumi alcalini: piselli, lenticchie, ceci. Questi legumi sono importanti perché apportano proteine al
    posto della carne
  • Cereali alcalini: miglio, quinoa, amaranto. Gli ultimi due sono pseudo-cereali, ma possono essere usati
    come tali.

Tutto il cibo digerito rilascia elettroni per produrre energia generando un residuo di cenere (con pH
acido/neutro/basico)

CIBI pH ACIDO:

origine animale, prodotti lievitati, cibi fermentati, raffinati. Zuccheri, cereali, alcool, caffè e frutta dolce.
Sono saturi di ioni idrogeno, o protoni, che privano il corpo di energia

CIBI pH ALCALINO:

origine vegetale, frutta non dolce, agrumi semi e germogli. Sono saturi di ioni idrossido, o elettroni, che
forniscono l’energia elettrochimica all’organismo

EQUILIBRIO ACIDO/BASE CORPOREO:

introduzione alimenti 80% alcalini e 20% acidi

Scegliere i cibi alcalinizzanti

In caso di dubbi, è facile preferire frutta e verdura alla carne, latte o derivati. Sempre preferibile il miglio
(l’ideale tra i pochi cereali alcalini), o almeno farinacei più integrali e naturali possibile, che non il frumento.
Bisogna allora rinunciare alla carne? No, non del tutto almeno, l’alimentazione deve sempre essere
bilanciata. Quindi deve esserci un equilibrio acido-basico, ma anche la presenza di proteine e della miglior
varietà possibile. Possiamo quindi preferire le carni e il pesce meno acidificanti, come le carni bianche e
meno grasse; poi il pesce, e, tra questo, il salmone non di allevamento.
Se si conosce l’effetto alcalinizzante dei vari alimenti, è possibile compiere una scelta informata e ragionata,
optando per cibi che aiutino il nostro corpo a mantenere il suo naturale livello di alcalinità e ad essere così
più sano.

Leave A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Ricorda che iniziando la navigazione nel sito, o scorrendo la pagina, accetti automaticamente le condizioni indicate nell'informativa. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi