Come funziona il sistema linfatico

Tutti sappiamo come funziona il sistema cardio-circolatorio, ma spesso si trascura l’importanza del sistema linfatico. Tra le cellule del nostro corpo è presente il liquido interstiziale pari a circa il 20% del volume corporeo, principalmente costituito d’acqua ma che contiene anche proteine, grassi, enzimi, ormoni, e, aspetto importante, tossine. Il compito del sistema linfatico è principalmente quello di fornire nutrimento alle cellule e raccoglierne i residui metaboici. Questo liquido deve venir costantemente drenato dagli organi, e a questo provvede appunto il sistema linfatico, che quindi garantisce, tra le altre cose, il corretto equilibrio dei fluidi. La linfa viene convogliata verso i linfonodi. Questi sono dei “filtri” ove i linfociti – una tipologia speciale di globuli bianchi – si occupano di eliminare elementi nocivi, e di attivare le nostre difese immunitarie. Anche le tonsille, la tiroide, la milza e il timo cooperano a questo lavoro di filtraggio. La linfa viene poi riversata nel flusso sanguigno.

Come funziona il sistema linfatico

Una conduttura senza una pompa

Il cuore, come sappiamo, fa circolare il sangue. La linfa, invece, non ha una sua pompa. Viene quindi spinta, in un’unica direzione, come effetto secondario di diverse altre funzioni del nostro corpo, e cioè i movimenti muscolari, la pressione causata da vasi arteriosi vicini, e la respirazione. In Esperanto Movado significa movimento.

Patologie del sistema linfatico

A parte i seri problemi del sistema linfatico che possono essere congeniti o derivare da altre patologie gravi, la vera e propria ostruzione localizzata che è chiamata linfoedema, una semplice ridotta funzionalità di questi “collettori” comporta quasi certamente la ritenzione di liquidi e la formazione di edemi. Se la linfa non circola, i tessuti si gonfiano di liquido. Inoltre, una linfa stagnante funziona meno bene dal punto di vista delle difese immunitarie. A ciò si aggiungano possibili complicazioni concomitanti come la tendenza all’obesità, il maggior rischio di infiammazioni, e altre ancora. In passato è stato ipotizzato un collegamento con la cellulite, ma la comunità scientifica non è concorde su questo.

Il sistema linfatico degli arti inferiori

Nelle gambe vi sono vasi superficiali che raccolgono la linfa a livello sottocutaneo, e vasi profondi che partono dalle ossa e dai muscoli. Questi due gruppi confluiscono poi nei linfonodi inguinali. Essendo parti periferiche del sistema, eventuali problematiche possono essere molto serie.
Il linfoedema negli arti inferiori si manifesta come un gonfiore, spesso di una sola gamba, e, se non trattato, peggiora: si sviluppa una fibrosi, per l’alta concentrazione di proteine che non vengono smaltite, quindi l’arto diventa duro. Può gonfiarsi fino a due o tre volte il normale.
Anche una semplice ridotta efficienza del drenaggio linfatico può portare a gonfiori più modesti, senso di stanchezza o pesantezza, e sintomi di artrite.

Cosa fare?

  • Visto che la circolazione linfatica dipende da funzioni corporee in parte sotto il nostro controllo, ci sono dei comportamenti corretti che possono migliorare la sua funzionalità, in particolare negli arti inferiori.
  • Fare movimento. Anche solo una camminata veloce aiuta la circolazione, specie nelle gambe. Meglio ancora sono degli esercizi di saltellio.Elisir di vita sana e vitale è muoversi camminando almeno 5 minuti allo scoccare di ogni ora della giornata.
  • Idratare. L’ideale è bere molta acqua pura, o acqua e limone e bicarbonato di sodio.
  • Respirare a fondo. Le tecniche di respirazione profonda e lo yoga sono utili.
  • Mangiare bene. Ridurre l’apporto di proteine e grassi, preferire cibi sani poco acidificanti e antiossidanti.
  • Stimolare l’epidermide. Massaggi, frizioni, docce energiche stimolano la circolazione sanguigna superficiale, ma anche quella linfatica.
  • Evitare indumenti stretti.

In conclusione, se adottiamo uno stile di vita sano, possiamo aiutare il nostro sistema linfatico a fare il suo lavoro, che è di proteggerci da molti problemi piccoli e grandi.

Leave A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Ricorda che iniziando la navigazione nel sito, o scorrendo la pagina, accetti automaticamente le condizioni indicate nell'informativa. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi