Le piante per equilibrare il ph

Piante ed erbe per equilibrare il pH

Come si sa, il pH del nostro sangue e dei nostri organi è un fattore determinante, anche se talvolta sottovalutato, per il nostro ben-essere. Se siamo in buona salute, il nostro sangue è leggermente alcalino, con un pH tra 7,35 e 7,45. se invece il sangue, il liquido interstiziale, o qualche organo cominciano a tendere verso l’acidità… allora, molto semplicemente, stiamo male.
Ma a cosa dobbiamo ricorrere, allora?

Le verdure e la frutta

Non dobbiamo dimenticare, per prima cosa, che quasi tutte le verdure e moltissimi frutti hanno buoni effetti alcalinizzanti. Semplicemente mangiando sano, con molte porzioni al giorno di verdura, già facciamo molto; preferiamo assumere la frutta lontano dai pasti principali.

Un rimedio immediato

A volte, però, magari a seguito di una malattia o di un periodo di superlavoro, di malessere, o di alimentazione sregolata, possiamo aver bisogno di raggiungere di nuovo il corretto equilibrio acido/alcalino in breve tempo. Ecco allora che possiamo fare ricorso a concentrati di erbe dalle particolari virtù alcalinizzanti (e non solo). Si tratta di una specie di scorciatoia, perciò non sarà il caso di eccedere con le quantità e di fare attenzione ad eventuali conseguenze indesiderate. Ma l’alto tenore di principi attivi, usato nel modo giusto, ci aiuterà subito.

Quali sono gli effetti che vogliamo ottenere?

Forse è il caso di ricordare in che modo agiscono gli alimenti alcalinizzanti, ed in particolare le erbe qui di seguito descritte. Ci faranno bene perchè:

  • Hanno un effetto alcalinizzante nel bilancio del metabolismo.
  • Assistono gli organi “depuratori” come il fegato, pelle e i reni.
  • Assistono il sistema linfatico nel drenaggio delle tossine.
  • Favoriscono la peristalsi intestinale.

Il carciofo

Verdure molto amate, dei carciofi si butta via molto. Ma la prossima volta che sentiamo il bisogno di assistere la funzionalità epatica e renale, e anche la circolazione superficiale (che è utile a ridurre l’acidificazione del sangue), possiamo tenere le foglie di carciofo. E usarle per fare una tisana. Dopo aver sminuzzato le foglie in acqua bollente per una decina di minuti, si può bere questa tisana lontano dai pasti senza dolcificare.

La camomilla

La camomilla aiuta a prendere sonno. Questo ha, indirettamente, un effetto alcalinizzante, perché se si è tranquilli e riposati l’organismo produce meno acidi. Ma, in più, la camomilla ha noti effetti anti-infiammatori, e contrasta l’assorbimento di alcuni acidi grassi.

Il tarassaco

Quest’erba è nota per le proprietà digestive, ma è anche di ausilio al fegato. Gli effetti depurativi si possono ottenere bevendo un paio di tazze al giorno di decotto. Quest’ultimo si prepara mettendo quattro cucchiai pieni di radici essiccate in un litro d’acqua, e portando a bollore moderato per una decina di minuti. Non è il caso di prendere questo decotto per periodi lunghi, ma l’effetto alcalinizzante si vede subito nel ritrovato splendore dell’epidermide.

La senna

In caso di stipsi, questo è un notissimo rimedio naturale. Si mette appena un grammo di foglie e frutti essiccati in acqua fredda, e si lascia riposare per mezza giornata. L’ideale è preparare l’infuso a sera, e berlo la mattina a stomaco vuoto.

La lespedeza

Circa 100 mg. di estratto secco favoriscono il lavoro del sistema linfatico, aiutando il drenaggio della ritenzione idrica e della cellulite, e avendo un effetto complessivo alcalinizzante. Si può usare quest’erba per due mesi, e ripetere, se necessario, un paio di volte l’anno.

Dalla natura i rimedi alcalinizzanti

Insomma, non occorre affidarsi a prodotti chimici e farmaci di sintesi per riequilibrare il nostro pH. Possiamo invece utilizzare, per questi primi approcci e passi verso l’alcalinizzazione, dei rimedi semplici, piacevoli e naturali.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Ricorda che iniziando la navigazione nel sito, o scorrendo la pagina, accetti automaticamente le condizioni indicate nell'informativa. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi