Proprietà e benefici della curcuma

Curcuma una spezia da molte proprietà e benefici

La curcuma viene usata come spezia e colorante naturale dei cibi. Tuttavia, ha anche diverse, notevoli proprietà salutari.Scopriamone Proprietà e benefici.

L’uso in cucina e l’origine

La polvere di curcuma è una spezia diffusissima nella cucina orientale. Il sapore, a differenza di molte altre spezie, non è molto forte o piccante, ma ha una notevole capacità colorante degli alimenti cui viene aggiunta, dando loro un caldo colore giallo. Non a caso veniva anche chiamata “zafferano delle Indie”. Nella cucina asiatica viene usata nei brodi, nelle salse, e in molti altri piatti. Tra l’altro, è uno dei componenti di quel mix di spezie che va sotto il nome di curry, al cui colore contribuisce in larga misura.
La polvere viene ricavata dai rizomi, cioè dalle radici, cotti ed essiccati, della pianta, una delle oltre ottanta specie appartenenti alla famiglia delle Zingiberacee, che crescono spontanee e perenni nelle zone tropicali dell’India e della Malesia. La spezia, tuttavia, riscontra un tale successo che la pianta viene anche coltivata con passione e dedizione in molte nazioni.

I benefici di questa spezia

Diverse ricerche scientifiche sembrano indicare che questa polvere non serve solo per condire e colorare i piatti. Rappresenta infatti anche una fonte di numerosi benefici per il nostro ben-essere, grazie ad un principio attivo molto utile, chiamato curcumina. Ecco gli effetti salutari di questa semplice spezia.

  • Antiossidante
  • Antiinfiammatorio
  • Colagogo, depurativo ed epatoprotettore
  • Antimicrobico e cicatrizzante
  • Cardioprotettore
  • Antitumorale

Sebbene possa sembrare sorprendente che un unico principio attivo abbia tutti questi vantaggi (oltre ad altri, ancora in corso di studio), fatto sta che ciò è possibile perché gli effetti sono collegati tra loro. La forte azione antiossidante della curcumina, infatti, non solo è antagonista dei radicali liberi, ottenendo così un rallentamento dell’invecchiamento delle cellule; ma è anche responsabile del ben noto effetto antiinfiammatorio. Grazie a quest’ultimo la curcumina è utile per molti tipi di malesseri ed in particolare per le artriti. Nello stesso modo si verifica l’effetto di miglioramento della flora batterica e del nostro probiota intestinale: la curcumina interagisce con diversi enzimi, molecole promotrici di infiammazioni, e fattori di trascrizione negativi. Pare quindi che possa contribuire a ridurre le probabilità in particolare di alcune forme di cancro al colon e al seno.
A livello metabolico il principio attivo stimola la colecisti, favorisce la depurazione e la disintossicazione dell’organismo ed ha un effetto epatoprotettore.
Nel sangue ha un effetto anticoagulante, il che riduce le probabilità di trombosi ed altre ben più gravi disfunzioni.

Una curiosità: l’uso topico esterno

Ingredienti ricavati sia dai rizomi che da altre parti della pianta sono usati nella medicina tradizionale indiana anche sulla pelle, in caso di lesioni, punture di insetti, e infezioni micotiche. La curcumina sembra avere un effetto disinfettante, antimicotico, e anche cicatrizzante. Viene usata anche per eczemi, vitiligini, ed altri problemi dell’epidermide.

Precauzioni nell’uso

Come tutte le cose, anche questa spezia va consumata in misura ragionevole; dosi enormi portano alla nausea e a problemi digestivi. Detto questo, la curcumina non ha effetti collaterali negativi su persone in buona salute. Tuttavia, non va assunta senza consulto medico in caso di calcolosi biliare od occlusione delle vie biliari, perché la sua sollecitazione della colecisti potrebbe causare un peggioramento. Il suo effetto anticoagulante è pericoloso per chi ha il problema opposto (difficoltà di coagulazione).

Per maggiore facilità di assunzione

Oltre all’uso come spezia in cucina, la curcumina può essere assunta più facilmente sotto forma di estratto secco o di olio. Unirla ad oli o cibi grassi ne facilita di gran lunga l’assorbimento, soprattutto se preferirete lipidi di origine vegetale. Consumarla insieme ad una modica quantità di pepe nero ne aumenta in maniera significativa l’efficacia
In conclusione, utilizzata senza esagerare, questa spezia può contribuire naturalmente al nostro benessere nell’immediato, ed inoltre, elemento anche più importante, migliorare le probabilità di stare in salute a lungo termine.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Ricorda che iniziando la navigazione nel sito, o scorrendo la pagina, accetti automaticamente le condizioni indicate nell'informativa. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi